In Blog

IL FUOCO DENTRO CASA: SI ACCENDE UN SOGNO

Minimal, elegante, fascinoso, sintetico, praticamente alchemico: il biocamino è la nuova opportunità per l’ambiente che vuole essere profondamente “casa”.

Il fuoco è, in ogni cultura, un elemento catalizzatore di energia e forza vitale. Cuore pulsante delle abitazioni, luogo di sintesi del nutrimento, punto di riferimento, ritrovo e condivisione dei membri della famiglia.
Non è mai stata soltanto una questione di temperature: il fuoco prima e il camino poi sono sempre stati strumenti capaci di offrire agli ambienti e alle persone passione, atmosfera oltre che calore in senso ampio.
Un camino è un sogno che si accende, è uno spazio di protezione, in cui rilassarsi e ricaricarsi, ma che fino a ieri non era per tutti. Non sempre è possibile installare un caminetto, per cause diverse: dall’assenza di canna fumaria per l’espulsione dei gas combusti a ragioni di spazio. In passato c’era il peso della rinuncia: se non potevi avere un camino lo conservavi come chimera, per la casa del tuo futuro, ideale, finalmente davvero come l’avresti voluta.
Oggi grazie alle nuove tecnologie e anche alla ricerca in design ognuno può avere il proprio angolo di focolare, senza canna fumaria e senza permessi. Si chiama camino a bioetanolo o biocamino ed è la nuova conquista dell’arredo. E a renderlo già tanto diffuso e apprezzato è anche il concetto totalmente “eco friendly” che lo anima… e lo accende: al posto della legna viene utilizzato un altro combustibile, il bioetanolo, un particolare alcool biologico che deriva dalla lavorazione di amidi e zuccheri estratti da mais, patate e canna da zucchero.
Il processo di funzionamento del camino a bioetanolo è semplice: un bruciatore viene ricaricato dal liquido infiammabile; accendendo il combustibile si scatena la fiamma che arde in maniera graduale i vapori prodotti dal liquido. La fiamma è regolabile; la sua intensità così come la sua durata variano a seconda della potenza del bruciatore. La resa in termini di calore è molto buona e la praticità non teme confronti: nessun lavoro di muratura, installazioni veloci, economiche e pratiche, niente cenere né residui, niente fumo o scintille, nessuna manutenzione, né permessi né bollette. Non deve essere pulito ma soltanto ricaricato quando il serbatoio del bioetanolo è a secco.

Guglielmetti Interior Design ha realizzato case in cui la bellezza e il design della stufa a bioetanolo sono riuscite a dar vita ad atmosfere davvero affascinanti, in grado di dare carattere, movimento ed energia a un soggiorno, a una camera, a una parete.

L’importante, naturalmente, è scegliere un caminetto a bioetanolo realizzato con materiali idonei e certificati, alimentandolo con un combustibile di elevata purezza. Più il bioetanolo è qualitativamente valido, infatti, migliore è la resa e più a lungo vi accompagnerà questo incantevole complemento d’arredo.

Share Tweet Pin It +1

You may also like

Nido di Luce e Intimità

Posted on 27 Settembre 2017

DESIGN WEEK: COSA NON PERDERE

Posted on 20 Marzo 2019

Previous PostRIFLESSI DI CASA
Next PostUN SERVIZIO “FULL” CHE AVVERA OGNI DESIDERIO